2 minuti di lettura (431 parole)

L'orso polare ucciso dal clima che cambia

L'orso polare ucciso dal clima che cambia

Ha fatto il giro del mondo il video del fotografo di Sea Legacy girato in Canada. "Tra 100 anni questa specie non esisterà più, vogliamo rompere l'apatia di tutti"

Il più grande predatore del pianeta Terra, l'orso dell'artico non ce la fa più. Gli arti lo sostengono a stento mentre si trascina quasi senza forze, inciampa sulle sue stesse zampe ormai molle e incapaci ancora di sostenerlo. Della maestosità di questo Re dell'Artico non resta quasi più nemmeno il bianco dlela sua pelliccia. mentre si accascia per l'ennesima volta a terra, la fame se lo sta mangiando vivo. Pochi momenti dopo  queste immagini riprese dal fotografo del National Geografic Paul Nicklen e da un team di Sea Legacy, sull'isola di Somerset in Canada, si accascerà a terra per non rialzarsi mai più.

  "È una scena che spacca il cuore, ma che abbiamo scelto di condividere per rompere il velo di apatia della nostra società ha scritto il fotografo nella didascalia che accompagna il video postato sul suo profilo Instagram. Immagini che riaccendono i riflettori sul problema del riscaldamento globale e dei suoi effetti collaterali sulla natura."

​"Avevamo le lacrime agli occhi mentre filmavamo", ha spiegato Nicklen in un'intervista al National Geographic. Lui, con anni di esperienza e di attivismo alle spalle, non è estraneo agli orsi, anzi: in vita sua ne ha visti più di tremila. Ma mai si era trovato davanti uno spettacolo simile: "È stata l'esperienza più sconvolgente che abbia mai vissuto".

Dopo aver pubblicato il video sui social è stato aspramente criticato, gli si rimproverava di non aver fatto qualcosa per quel povero animale. 

"Certo, ci ho pensato a fare qualcosa - ha continuato il fotografo - ma non vado in giro con una pistola tranquillante o con 400 chili di carne di foca".

Il suo stato era tale che anche se fosse stato aiutato, sarebbe stato un gesto che avrebbe solamente prolungato l'agonia dell'animale. Inoltre dare da mangiare agli orsi selvatici in Canada è severamente proibito.

"Aveva gli arti inferiori atrofizzati. Non potevamo fare molto per lui". Per il fotografo il vero aiuto è la denuncia di ciò che sta accadendo al mondo. "Ho ripreso la sua lenta morte per far sì che non sia avvenuta invano - ha detto l'attivista - quando gli scienziati parlano dell'estinzione degli orsi polari, le persone comuni non si rendono conto di ciò che significa. Questa è la fine che fanno: muoiono lentamente di fame. E tutti lo devono vedere
The Walking Dead 8: annunciata la data del ritorno...
Cucina: Tartine natalizie

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 24 Aprile 2018

Immagine Captcha

loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

//
X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.