2 minuti di lettura (391 parole)

Stromboli: violente esplosioni sul cratere, un morto e turisti in fuga

Stromboli: violente esplosioni sul cratere, un morto e turisti in fuga

 Tragico pomeriggio oggi sull'isola di Stromboli: a seguito di una violenta esplosione sul cratere ha perso la vita un escursionista che si trovava nella zona sommital del vulcano, ferito un altro. Difficoltà nei soccorsi a causa degli incendi provocati dalla pioggia di lapilli. Turisti in fuga. Canadair in azione per spegnere i roghi. Il sindaco Giorgianni ha dichiarato:  "Nessuna evacuazione, pochi danni. Ma aiutiamo chi vuole andar via"

 Gli esperti vulcanologi di Catania hanno così commentato ciò che è accaduto oggi pomeriggio sul cratere dello Stromboli: 

"Si è trattato di una delle esplosioni più forti registrate fino ad oggi sullo Stromboli"

loading...

A seguito delle esplosioni sul cratere due trabocchi lavici si sono riversati sulla valle che si apre sul fianco settentrionale del vulcano, la cosiddetta Sciara del fuoco, Questo ha causato l'innesco dei primi incendi che si sono facilmente propagati a causa del vendo e del caldo nella zona. Particolarmente colpita è stata la frazion di Ginostra.

Le due esplosioni più violente sono state avvertite chiaramente a distanza anche su altre isole dell'arcipelago delle Eolie. In cielo a seguito di questo fneomeno si è  alzata una enorme colonna di cenere e lapilli che è arrivata ad un'altezza di almeno 2 chilometri dalla sommità del vulcano.

Marco Neri, vulcanologo dell'Ingv-Osservatorio Etneo, ad Adnkronos​ ha dichiarato: 

"A partire dalle ore 14:46 e 10 secondi Utc (le 16.46 italiane) si è verificato un parossisma che ha interessato l'area centro-meridionale della terrazza craterica dove si aprono le bocche dello Stromboli, a circa 800 metri di quota sul mare.
Oltre alle due esplosioni maggiori, ci sono state circa venti eventi esplosivi minori. Dopo la fase parossistica, il segnale del tremore è diminuito. La sequenza è stata preceduta alle 14:44 Utc da trabocchi lavici da tutte le bocche attive della terrazza craterica"

Il sindaco Giorgianni ha cercato di calmare residenti e turisti spaventati dichiarando che nonostante le difficoltà comprensibili dovute all'evento: nella zona del cratere e in alcune intorno dove sono in atto gli incendi i soccorsi sono difficili a causa del fumo e dell'assensa di segnale ai telefoni celllulari.

Dato che il Vulcano è perennemente attivo, anche se mai in modo così violento, le strutture stanno reagendo prontamente. Non è prevista nessuna evacuazione di massa, ma sarà comunque garantita, a chiunque lo desideri, di poter lasciare l'isola. 

Pinocchio: il primo trailer del nuovo film di Matt...
The Walking Dead: si conclude la serie a fumetti d...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli