2 minuti di lettura (426 parole)

ACLU chiede al tribunale di rilasciare un ordine segreto costringendo Facebook a intercettare Messenger

gettyimages-48786726811
All'inizio di quest'anno, il governo degli Stati Uniti ha cercato di costringere Facebook a ricodificare segretamente la sua app Messenger per consentire ai federali di ascoltare una chiamata vocale crittografata in tempo reale su membri sospetti associati alla famigerata banda MS-13.

È stato solo quando i giornalisti hanno rivelato che quando Facebook ha rifiutato, i federali hanno spinto il tribunale a tenere in dispregio la compagnia. Il caso è crollato, ma i dettagli del caso rimangono sotto sigillo e fuori dagli occhi del pubblico.

Ora, l'ACLU vuole sapere come i federali hanno provato a tirarlo fuori.

Il gruppo per i diritti e le libertà civili ha presentato una mozione in California mercoledì per chiedere al giudice di svelare il caso per rivelare esattamente quello che il governo ha chiesto fosse sufficiente per convincere la corte a chiedere a Facebook di smantellare la crittografia di Messenger in primo luogo. La mozione vuole anche sapere quali motivi legali il Dipartimento di Giustizia ha dovuto obbligare Facebook a minare la sicurezza del proprio prodotto - e per quale motivo la corte ha respinto.

Jennifer Granick, il consulente ACLU per la sorveglianza e la sicurezza informatica, ha affermato che il pubblico "merita di sapere perché il governo ha pensato di poter smantellare le misure che proteggono il loro diritto alla privacy online".

"Il risultato di questa disputa legale tra Facebook e il Dipartimento di Giustizia ha il potenziale di influenzare le comunicazioni private di milioni di americani che usano servizi di comunicazione come Messenger, WhatsApp, Skype e Microsoft Outlook", ha detto.

È l'ultimo in molti tentativi negli ultimi anni di costringere un'azienda a rielaborare i suoi prodotti per aiutare il governo a condurre la sorveglianza. Ma poiché Facebook ha vinto la sua sfida legale in privato, gli esperti avvertono che altre società che affrontano sforzi analoghi per indebolire i loro prodotti non saranno in grado di utilizzare il precedente legale di Facebook nella propria difesa.

"In un mondo che cambia costantemente a causa dei rapidi progressi tecnologici, il sistema legale americano deve tenere il passo", hanno detto Kara Brandeisky e Kristin Mulvey, due studenti di giurisprudenza della School of Law della New York University, che hanno contribuito a scrivere la mozione. "Questo non può accadere se non sappiamo nemmeno cosa dice la legge sul nostro diritto alla privacy e alla sicurezza".

La mozione dell'ACLU fu affiancata dalla Electronic Frontier Foundation e dalla Riana Pfefferkorn di Stanford.

Facebook ha rifiutato di commentare. Anche un portavoce del Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di commentare. 

loading...
Instagram utilizza la tecnologia di riconoscimento...
AWS lancia Amazon Forecast per semplificare le pre...
 
loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.