6 minuti di lettura (1263 parole)

Il parlamento britannico sequestra la cache dei documenti interni di Facebook per ulteriori indagini sulla privacy

gettyimages-944359518
Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg potrebbe ancora deplorare di aver sottovalutato una commissione parlamentare britannica che sta indagando sull'impatto della disinformazione online della democrazia per la parte migliore di quest'anno - e le cui ripetute richieste per iscritto sono state altrettanto ripetutamente snobbate.

Nell'ultimo cambio di marcia elevato, riportato nell'Osservatore di ieri, il comitato ha utilizzato i poteri parlamentari per sequestrare una serie di documenti relativi a una causa negli Stati Uniti per favorire il tentativo di mantenere Facebook responsabile dell'uso improprio dei dati dell'utente.

La supervisione di Facebook - o meglio la mancanza di essa - in cui i dati dell'utente sono preoccupati è stato un obiettivo principale per il comitato, poiché la sua inchiesta sulla disinformazione e l'uso improprio dei dati si è sviluppata e ridimensionata nel corso di quest'anno, aumentando in termini di visibilità e visibilità da Cambridge La storia di Analytica è esplosa in uno scandalo globale questo aprile.

Si presume che i documenti interni in possesso della commissione contengano significative rivelazioni sulle decisioni prese dal senior management di Facebook nei confronti dei dati e dei controlli sulla privacy, comprese le e-mail riservate tra i dirigenti e la corrispondenza con lo stesso Zuckerberg.

Questa è stata una linea chiave di inchiesta per i parlamentari. E uno altrettanto frustrante: i membri della commissione accusano Facebook di essere deliberatamente fuorviante e di nascondere i dettagli chiave.

I file sequestrati riguardano una causa negli Stati Uniti che precede la pubblicità ufficiale sull'uso improprio dei dati di Facebook, con la denuncia presentata nel 2015 da una startup statunitense chiamata Six4Three, dopo che Facebook ha rimosso l'accesso degli sviluppatori ai dati degli amici. (Come riportato in precedenza, Facebook era in realtà stato avvisato dei rischi relativi ai dati relativi alle autorizzazioni delle app nel 2011, ma non ha chiuso completamente l'API dei dati degli amici fino a maggio 2015.)

Il reclamo principale è un'affermazione secondo cui Facebook avrebbe indotto gli sviluppatori a creare app per la propria piattaforma implicando che avrebbero ottenuto un accesso a lungo termine ai dati degli utenti in cambio. Quindi, tagliando in seguito l'accesso ai dati, l'affermazione è che Facebook stava effettivamente truffando gli sviluppatori.

Dopo aver presentato la denuncia, i querelanti si sono impadroniti della saga di Cambridge Analytica per cercare di rafforzare il loro caso.

E in una mozione legale depositata nel maggio Six4, gli avvocati di Three hanno sostenuto prove che avevano scoperto hanno dimostrato che "lo scandalo di Cambridge Analytica non era il risultato della mera negligenza da parte di Facebook, ma era piuttosto la conseguenza diretta dello schema maligno e fraudolento progettato da Zuckerberg nel 2012 per coprire la sua incapacità di anticipare la transizione del mondo agli smartphone ".

L'avvio ha utilizzato i poteri legali per ottenere la cache dei documenti, che rimangono sotto sigillo su ordine di un tribunale della California. Ma il parlamento britannico ha usato i propri poteri per piombare dentro e sequestrare i file dal fondatore di Six4Three durante un viaggio di lavoro a Londra quando è arrivato sotto la giurisdizione della legge del Regno Unito, costringendolo a consegnarli.

Secondo l'Observer, il parlamento ha inviato un sergente d'armi all'hotel del fondatore, dandogli un ultimo avvertimento e un termine di due ore per rispettare il suo ordine.

"Quando il fondatore dell'azienda di software non è riuscito a farlo, ha capito che è stato scortato in parlamento. Gli è stato detto che avrebbe rischiato multe e persino la reclusione se non avesse consegnato i documenti ", aggiunge, apparentemente rivelando come Facebook abbia perso il controllo su alcuni più dati (anche se questa volta è proprio lei).

In un commento al quotidiano, il presidente della commissione DCMS, Damian Collins, ha dichiarato: "Siamo in un territorio inesplorato. Questa è una mossa senza precedenti, ma è una situazione senza precedenti. Non siamo riusciti a ottenere risposte da Facebook e crediamo che i documenti contengano informazioni di altissimo interesse pubblico ".

Collins in seguito ha twittato il rapporto dell'Osservatore sul sequestro, prendendo in giro "più la prossima settimana" - probabilmente un riferimento alla grande audizione della commissione in parlamento già prevista per il 27 novembre.

Ma potrebbe anche essere un suggerimento il comitato intende rivelare e / o fare uso di informazioni rinchiuse nei documenti, in quanto pone domande al VP di Facebook delle soluzioni politiche ... 

 Detto questo, i documenti sono soggetti all'ordine di sigillo della corte superiore della California, quindi - come sottolinea l'osservatore - non possono essere condivisi o resi pubblici senza il rischio di essere scoperti in oltraggio alla corte.


Un portavoce di Facebook ha fatto lo stesso punto, dicendo al giornale: "I materiali ottenuti dal comitato DCMS sono soggetti ad un ordine protettivo della Corte Superiore di San Mateo che limita la loro divulgazione. Abbiamo chiesto al comitato DCMS di astenersi dal rivederli e restituirli a consulenti o a Facebook. Non abbiamo ulteriori commenti. "

Il portavoce di Facebook ha aggiunto che "le affermazioni di Six4Three non hanno alcun valore", affermando ulteriormente: "Continueremo a difenderci con forza".

E, beh, l'ironia di Facebook che chiede che i suoi dati rimangano privati ​​non dovrebbe perdersi su nessuno a questo punto ...

Un'altra ironia: a luglio il Guardian ha riferito che, come parte della difesa di Facebook contro la causa di Six4Three, la società aveva sostenuto in tribunale che si trattava di un editore - cercando di ottenere ciò che si riferiva a "decisioni editoriali" sull'accesso ai dati protetto dal primo americano. emendamento.

Il che è - per usare un eufemismo - una vera e propria contraddizione, data la lunga caratterizzazione pubblica di Facebook della sua attività come una semplice piattaforma di distribuzione, mai un'azienda di media.

Quindi aspettatevi molti fuochi d'artificio durante l'audizione pubblica della prossima settimana, mentre i parlamentari ancora una volta interrogano Facebook sulle sue varie affermazioni contraddittorie.

È anche possibile che il comitato abbia inviato una lista di distribuzione di posta elettronica interna da quel momento, specificando chi, in precedenza, sapeva della violazione di Cambridge Analytica su Facebook.

Questo elenco è stato ottenuto dall'agenzia di sorveglianza dei dati del Regno Unito, nel corso della propria indagine sulla saga dell'uso improprio dei dati. E all'inizio di questo mese, il commissario per le informazioni Elizabeth Denham ha confermato che l'ICO ha la lista e ha detto che sarebbe passato alla commissione.

La rete di responsabilità sembra essere in chiusura sulla gestione di Facebook.

Anche se Facebook continua a negare qualsiasi parlamento internazionale con il suo fondatore e CEO (il Parlamento europeo rimane l'unica eccezione).

La scorsa settimana la società si è rifiutata di fare anche una videochiamata a Zuckerberg per rispondere alle domande del comitato - offrendo il suo vicepresidente delle soluzioni politiche, Richard Allan, prima di quello che ora è un grande comitato composto da rappresentanti di sette parlamenti internazionali.

L'audizione della grande commissione si terrà a Londra martedì mattina, ora britannica, seguita da una conferenza stampa in cui i parlamentari che rappresentano gli utenti di Facebook di tutto il mondo firmeranno una serie di "Principi internazionali per la legge che governa Internet", rendendo "un dichiarazione sulle azioni future ".

Quindi è anche 'guarda questo spazio' dove si occupa la regolamentazione internazionale dei social media.

Come notato sopra, Allan è solo l'ultimo stand-in di Zuckerberg. Ad aprile, il comitato DCMS trascorre la parte migliore di cinque ore cercando di estrarre le risposte dal CTO di Facebook, Mike Schroepfer.

"Stai facendo del tuo meglio, ma il dollaro non si ferma con te, vero? Dove finisce il dollaro? "Chiese un membro del comitato in quel momento.

"Si ferma con Mark," rispose Schroepfer.

Ma Zuckerberg sicuramente non si fermerà martedì.
loading...
Ariana Grande risponde al troll su Twitter che l'h...
Dragon Ball Super: nuovo arco narrativo per il man...
 
loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.