4 minuti di lettura (776 parole)

Compromissione del Copyright: legge sulla modernizzazione della musica firmata

gettyimages-158317656

I musicisti stanno celebrando il Music Modernization Act, un tentativo di trascinare le regole del copyright e della royalty nel 21 ° secolo, è stato firmato dalla legge dopo il passaggio unanime al Congresso. L'atto mira a centralizzare e semplificare il processo attraverso il quale gli artisti sono tracciati e pagati su servizi digitali come Spotify e Pandora, e estende anche il trattamento delle royalty alle canzoni registrate prima del 1972.


I problemi in questo spazio hanno colpito praticamente ogni festa. La legge sul copyright e le pratiche del settore musicale erano, come si ricorderà, totalmente impreparate per l'ondata di pirateria musicale all'inizio del secolo, e anche per il passaggio allo streaming negli ultimi anni. Come prevedibile, non sono le etichette, i distributori o i nuovi servizi che sono stati colpiti - sono gli artisti, che spesso vedevano pagamenti di royalty comicamente da flussi se vedevano qualcosa.

Anche così, l'MMA ha goduto di un sostegno piuttosto generalizzato da parte di tutte le parti, perché la legge esistente è così oscura e inadeguata. E rimarrà così fino a un certo punto - questo non è un territorio laico e le cose rimarranno oscure. Ma l'atto affronterà alcune delle questioni lampanti attuali nel panorama dei media.


Il più grande cambiamento è probabilmente la creazione del Collective Licensing meccanico. Questa nuova organizzazione centralizza il processo di contabilità e pagamento delle royalties, sostituendo un patchwork di accordi che richiedeva un sacco di documenti da tutti i lati (e come al solito, gli artisti erano spesso quelli lasciati fuori al freddo come risultato). Il MLC sarà finanziato da aziende come Pandora o Google che vogliono stipulare accordi di licenza digitale, il che significa che non ci saranno commissioni o commissioni aggiuntive per il MLC, ma l'entità sarà effettivamente gestita da creatori di musica ed editori.


Precedentemente i servizi digitali e gli editori musicali avrebbero stipulato accordi negoziati separatamente, un processo complesso e costoso se si desidera offrire una libreria completa di musica, una che ha soffocato i nuovi arrivati ​​sul mercato. Niente nella nuova legge impedisce alle aziende di stipulare questi accordi ora, come sicuramente preferiranno fare alcune società, ma l'MLC offre una soluzione semplice e diretta e anche un'opzione di licenza generale in cui puoi semplicemente pagare tutta la musica nel suo registro. Questo in teoria potrebbe alimentare nuovi servizi che non possono risparmiare i soldi per i cento avvocati richiesti per altri metodi.

C'è un altro vantaggio nell'utilizzare il MLC: sei protetto dalla responsabilità per danni legali. Supponendo che un'azienda lo usi correttamente e paghi i propri debiti, non sono più vulnerabili a cause legali che accusano pagamenti insufficienti o altri imbrogli - il tipo di cose che i fornitori di streaming hanno esposto agli agenti atmosferici nei tribunali per anni, con insediamenti potenzialmente massicci.

La legge migliora anche i pagamenti per i produttori e gli ingegneri, che sono stati storicamente poco riconosciuti e sicuramente sotto compensati per il loro ruolo nella creazione musicale. Scrittori e artisti sono fondamentali, ovviamente, ma non sono gli unici componenti di una grande canzone o album, ed è importante riconoscerlo formalmente.

L'ultimo componente del MMA, il CLASSICS Act, è il più controverso, anche se i suoi critici sembrano ammettere che è migliore di quello che avevamo prima. CLASSICS estende sostanzialmente le regole standard del copyright alle opere create prima del 1972, durante le quali la legge sul copyright è cambiata considerevolmente e ha lasciato i lavori precedenti al 1972 in gran parte fuori dal comune accordo.
Qual è il problema? Bene, si scopre che molte opere che altrimenti entrerebbero nel pubblico dominio sarebbero protette dal diritto d'autore (o qualcosa del genere - ci sono alcune differenze tecniche) fino al 2067, dando loro una protezione anormalmente lunga. E per di più, queste opere verrebbero messe automaticamente sotto questa nuova protezione, senza bisogno che gli artisti le registrino. Può sembrare conveniente, ma significa anche che migliaia di vecchi lavori sarebbero essenzialmente protetti da copyright anche se i loro creatori, se sono ancora vivi, non hanno affermato l'intenzione di cercarlo.

Un semplice registro per tali lavori è stato proposto da un gruppo di difensori della libertà dei dati, ma le loro grida non sono state ascoltate da coloro che hanno elaborato e rielaborato la legge. Certo, si tratta di un'obiezione idealistica e il danno per gli utenti è in gran parte teorico. Il conto procedeva più o meno come scritto.

In ogni caso il Music Modernization Act è ora legge; il suo passaggio unanime è qualcosa di un risultato in questi giorni, anche se Dio sa che entrambe le parti hanno bisogno di tante vittorie quante ne possono ottenere.

loading...
Vikings 5: il primo spaventoso poster della second...
Instagram prova il tapping (sfiorare) anziché scor...
 
loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.