2 minuti di lettura (470 parole)

Catalogna, costituzionalisti e indipendentisti appaiati nei sondaggi

Catalogna, costituzionalisti e indipendentisti appaiati nei sondaggi

Alle elezioni che decreteranno la formazione del parlamento catalano, il blocco dei costituzionalisti (composto da Pp, Psoe e Ciudadanos) è appaiato con quello indipendentista (PdeCat, Erc e Cup). Entrambi otterrebbero il 46% dei consensi. Lo afferma un sondaggio di Metroscopia pubblicato da El País. Le intenzioni di voto sono state registrate tra il 20 e il 22 novembre, a un mese esatto dalle urne, previste per il 21 dicembre.

La crescita dei costituzionalisti

Si profila quindi un parlamento frammentato e un grande equilibrio tra i partiti sostenitori, pur con tutte le differenze del caso, dell'applicazione dell'articolo 155 e quelli che spingono per l'indipendenza della Catalogna. Rispetto alle elezioni del 2015, i partiti costituzionalisti recupererebbero terreno: nel complesso, due anni fa si erano fermati al 39,1%, lasciando il 47,7% ai partiti indipendentisti, coalizzatisi allora nella formazione trasversale "Junts pel Sì", a cui si affiancò la Cup. A trainare il cambiamento sarebbe soprattutto Ciudadanos, che da sempre ha adottato una linea dura contro l'indipendentismo e che si imporrebbe come principale forza d'opposizione grazie al 25,3% dei voti e a 35 deputati. Bene anche i socialisti catalani: Il leader Miquel Iceta, da più parti segnalato come mediatore per la crisi, potrebbe convogliare il 14,9% dei voti, che garantirebbero 19 deputati (due anni fa erano stati 16). Tra i costituzionalisti arretrerebbe invece il Partito Popolare del premier Mariano Rajoy, guidato in Catalogna da Xavier García Albiol: secondo il sondaggio il Pp avrebbe il 5,8% delle preferenze e sei deputati (cinque in meno rispetto al 2015), pagando probabilmente l'impopolarità delle misure del governo centrale.

I possibili scenari

Sul fronte indipendentista, Esquerra Republicana de Catalunya sarebbe il primo partito, con il 26,5% dei voti e 39 deputati, nonostante il suo leader, Oriol Junqueras, si trovi attualmente in carcere. PdeCat, il partito dell'ex presidente Carles Puigdemont, ne aggiungerebbe altri 21 (grazie al 13,6%) e la Cup altri 7 (con una quota del 5,9%). In tutto i seggi sarebbero 67, uno in meno del necessario per ottenere la maggioranza assoluta (nel 2015 erano stati 72). Si prospetta quindi uno scenario di grande equilibrio, nel quale a fare da arbitro potrebbe essere Catalunya en Comú, la formazione fondata un anno fa e guidata dalla sindaca di Barcellona Ada Colau, che per alle prossime elezioni si presenterà insieme con Podem, la costola catalana del partito Podemos. CeC-Podem dovrebbe conquistare il 6,7% dei voti e 8 seggi. La situazione resta comunque liquida. Il sondaggio prevede infatti una partecipazione molto elevata (intorno all'80%) ma c'è ancora un 23% di cittadini indecisi, soprattutto tra le donne oltre i 65 anni.

Leggi tutto

Copyright

© Feed RSS Mondo di Sky Tg 24

Venezia, ecco la gondola costruita con 350 cassett...
Amazon Prime Video ha siglato un accordo esclusivo...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 24 Aprile 2018

Immagine Captcha

loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

//
X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.