Egitto, attentato in una moschea del Sinai: oltre 80 morti

24 novembre 201720:11Una bomba è stata piazzata allʼinterno del luogo di culto, mentre un commando armato aspettava allʼesterno i fedeli in fuga: quando i sopravvissuti allʼesplosione sono usciti dalla moschea, gli attentatori hanno aperto il fuoco

"Questo attentato non fa altro che renderci che più solidi, più forti e più uniti nella nostra lotta contro il terrorismo. La tristezza e il dolore che provano ora gli egiziani non sarà vano, da qui troveranno la forza per combattere l'estremismo", ha proseguito il capo di Stato egiziano.

Dopo aver piazzato l'ordigno, un commando armato aspettava all'esterno i fedeli in fuga: quando i sopravvissuti all'esplosione sono usciti dalla moschea, gli attentatori hanno aperto il fuoco con armi leggere e con lanciarazzi. Fonti citate dall'agenzia Ap hanno riferito che gli attentatori sono giunti sul posto a bordo di un fuoristrada 4x4.

Peggior attentato negli ultimi 4 anni, tre giorni di lutto nazionale - Si tratta del peggior attacco messo a segno in quattro anni di violenze nel Sinai da parte degli islamisti. L'ufficio del presidente Al Sisi ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale.

Al-Azhar condanna fermamente attentato - Al-Azhar, il più influente centro teologico e universitario dell'islam sunnita, basato a Il Cairo, ha condannato l'attentato terroristico contro la moschea di Al Rawdah nel Sinai settentrionale. Lo riferisce l'agenzia Mena citando dichiarazioni di Ahmed al-Tayeb, grande Imam di Al Azhar. Lo sceicco ha giudicato importante respingere con tutta forza possibile i terroristi e i loro crimini, ha sottolineato l'agenzia di stampa.

Il conflitto con i jihadisti nel Nord del Sinai - La tribù Al-Sawarka, dominante nella zona dell'attacco, aveva annunciato la propria partecipazione alla lotta contro l'Isis a fianco dell'esercito nel maggio dell'anno scorso. Concentrato soprattutto nell'angolo nord-est del Sinai, al confine con la Striscia di Gaza, da oltre quattro anni e mezzo è in corso un conflitto a bassa intensità tra forze di sicurezza egiziane e terroristi dello Stato islamico.

Continua a leggere
  416 Visite

Copyright

© TgCom24

416 Visite

Sudafrica, Pistorius condannato in Appello a 13 anni reclusione

Sudafrica, Pistorius condannato in Appello a 13 anni reclusione
FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it 24 novembre 201717:58Lʼex campione paralimpico riconosciuto colpevole dellʼomicidio della fidanzata Reeva Steenkamp

pistoriusReeva Steenkamp

CorrelatiDOPO LE CURE TORNATO IN CELLA TGCOM24 Link originaleOriginal autore: Redazione
  603 Visite

Copyright

© TgCom24

603 Visite

Il commissario Ue alla Salute contro i No-vax: "Visitino le tombe dei bambini morti"

Il commissario Ue alla Salute contro i No-vax: "Visitino le tombe dei bambini morti"
23 novembre 201719:56Vytenis Andriukaitis a muso duro: "Questi movimenti ci riportano ai tempi in cui non cʼera conoscenza scientifica, allʼetà della pietra"

Ueno-vax

CorrelatiDi mezzo una bimba di 13 mesi

L'uomo è un attivista contro le vaccinazioni e non permette quelle per la piccola di 13 mesi che deve farle per iscriversi all'asilo. Deciderà un giudice, denuncia l'associazione Luca Coscioni

ALLARME DELLʼISSLink originaleOriginal autore: Redazione
  251 Visite

Copyright

© TgCom24

251 Visite

Argentina, la marina militare conferma: registrata un'esplosione nel luogo della scomparsa del sottomarino

Argentina, la marina militare conferma: registrata un'esplosione nel luogo della scomparsa del sottomarino
23 novembre 201719:01Lʼ"anomalia acustica" è stata localizzata a circa 48 chilometri anord dal punto nel quale il San Juan si era messo in contattoper ultima volta con il comando

argentinasottomarinosan juanenrique balbi

CorrelatiSi riducono le speranzeNessun contatto con il San JuanLink originaleOriginal autore: Redazione
  286 Visite

Copyright

© TgCom24

286 Visite

Australia, "voglio vedere il mare prima di morire": l'ultimo desiderio esaudito

Australia, "voglio vedere il mare prima di morire": l'ultimo desiderio esaudito
24 novembre 201708:00"A cosa stai pensando?" "Ora va tutto bene", ha detto la donna, mentre dal suo viso scendevano alcune lacrime: lacrime di gioia. Ora la malattia lʼha portata via...

australiaqueenslandultimo desideriomaremalata terminale

CorrelatiLE PAROLE DI CONNIE YATESBAMBINO CORAGGIOLink originaleOriginal autore: Redazione
  272 Visite

Copyright

© TgCom24

272 Visite

Attentato in Egitto, la condanna del Papa: "Atto di brutalità"

Link originaleOriginal autore: Redazione
  706 Visite

Copyright

© TgCom24

706 Visite

Spari a Oxford Circus: falso allarme, riaperta la metropolitana

Link originaleOriginal autore: Redazione
  1025 Visite

Copyright

© TgCom24

1025 Visite

Londra, "spari a Oxford Circus" ma la polizia nega: "Nessuna prova"

FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it 24 novembre 201719:13Eʼ psicosi attentato nella City. Scotland Yard ha prima bloccato la zona ma poi ha dichiarato il falso allarme

Una donna ferita in modo lieve nella calca - Una donna sarebbe rimasta ferita in modo lieve nella calca mentre fuggiva dalla stazione di Oxford Circus, a Londra. Lo comunica la polizia di Londra. Scotland Yard precisa che l'operazione di verifica dell'allarme è ancora in corso e ribadisce l'invito alla gente a evitare l'area o a restare al chiuso se vi si trova. Gli accertamenti riguardano una vasta area nel cuore di Londra, frequentatissima da una miriade di visitatori, turisti e consumatori. Comunque al momento nessuno dei timori che avevano determinato il panico pare sia fondato.

Lo stesso incidente segnalato vicino ai grandi magazzini Selfridges è stato il frutto di sensazioni di testimoni, precisa la direzione aziendale, sottolineando che la chiusura è stata decisa solo "a scopo precauzionale".

Riaperta anche la metropolitana - Le stazioni della metropolitana sono state riaperte nella zona di Oxford Circus a Londra. Lo riporta la Bbc, citando la dichiarazione formale di cessato pericolo della polizia, che inizialmente era intervenuta "come se" si potesse trattare di "un incidente correlato al terrorismo".

LondraGbOxford Circus

TGCOM24 Link originaleOriginal autore: Redazione
  541 Visite

Copyright

© TgCom24

541 Visite

Gb, 22enne in coma dopo il parto: si risveglia e pensa di avere 13 anni

Gb, 22enne in coma dopo il parto: si risveglia e pensa di avere 13 anni
24 novembre 201719:48In sala operatoria era andata in arresto cardiaco per 68 secondi

comagran bretagnaamnesiagallesfamiglia

CorrelatiUNA FORZA DELLA NATURA

Harmonie-Rose a dieci mesi è stata colpita da una meningite fulminante. I medici hanno dovuto amputarle braccia, gambe e persino l'estremità del naso

AL POLICLINICO SAN MATTEO

Il post di Aurora ha commosso il web. Intanto, è partita la raccolta fondi per comprare 16 apparecchi per il reparto di oncoematologia pediatrica

Link originaleOriginal autore: Redazione
  300 Visite

Copyright

© TgCom24

300 Visite

Una donna resta intrappolata sui binari all’arrivo del treno

Una donna resta intrappolata sui binari all’arrivo del treno
24 novembre 201718:12Momenti drammatici in una stazione di Melbourne, in Australia

AustraliabinaritrenoMelbourne

Lezioni "quasi" private AD alicudi

Le telecamere di "Dalla vostra parte" sono state nella scuola di Alicudi, l'isola in cui vivono circa 50 abitanti, che è a rischio chiusura

Dovʼè finito?

Davanti alla "scomparsa" del ricevitore Deontay Burnett il web si è scatenato

Balaena mysticetus

Questa particolare abitudine dei mammiferi della costa nord-est del Canada è oggetto di studio

"Non è successo niente"

La showgirl non apprezza l'intervento a gamba tesa di Pucci

Continua a leggere
  685 Visite

Copyright

© TgCom24

685 Visite

Nazionale: "Ancelotti ha detto no, ha altri obiettivi". Tavecchio. "Piango da quattro giorni, tutta colpa di Ventura"

1925483-40505145-2560-1440
ROMA - Guai per Tavecchio. Stanno cadendo pian piano i papabili sostituti per il post Ventura sulla panchina della Nazionale. Dopo il rifiuto diAllegri arriva anche la frenata di Carlo Ancelotti. Poche ore fa in conferenza stampa pre partita il tecnico della Juventus ha dichiarato che "per il momento la nazionale non è la sua ambizione" e che ha ancora tanto da fare a Torino, chiudendo di fatto all'ipotesi di sedere sulla panchina azzurra. Ora arrivano anche smentite riguardanti Carlo Ancelotti, forse l'unico nome che avrebbe messo d'accordo tutti e al quale il presidente federale Tavecchio si aggrappava. "Carlo per ora non allenerà la Nazionale. In questo momento ha altri obiettivi, altre intenzioni". A riferirlo Giovanni Branchini, procuratore storico dell'ex allenatore del Bayern, intervenuto a "Deejay Football Club" su Radio Deejay. "Ancelotti non vuole mancare di rispetto a nessuno, ma in questo momento non è interessato" ha rivelato. La Figc però frena. "Non commentiamo notizie senza fondamento - replica all'Ansa una fonte qualificata della Figc -, sono solo sciacallaggio giornalistico".

 

Ad Allegri ed Ancelotti si aggiungono poi Conte e Spalletti. L'ex ct della Nazionale proprio ieri ha parlato di "disastro storico" ammettendo che un suo ritorno "al momento sarebbe molto difficile". Il tecnico interista invece ha ammesso che guidare la Nazionale gli piacerebbe ma non ora: "Al momento voglio e devo lavorare bene all'Inter". Dunque chi per il dopo Ventura? In lizza per il momento (salvo sorprese) resterebbero Roberto Mancini e Claudio Ranieri.

"Ho letto c'è Allegri c'è Conte c'è Carletto Ancelotti, io dico che ora devono pensare bene a come devono fare e poi chi prendono prendono sono tutti bravi", è il commento di Claudio Ranieri, che aggiunge: "Se arriva la chiamata? "Ci penserò, non dipende solo da me, c'è un presidente e devono parlare al limite con il mio presidente".

TAVECCHIO ALLE IENE: "PIANGO DA QUATTRO GIORNI" - Un momento durissimo quindi per Carlo Tavecchio. Prima di sapere del no di Ancelotti aveva concesso un'intervista alle Iene (domenica la puntata completa) dove in lacrime accusava Ventura: "È stata colpa sua. Scelte tecniche sbagliate contro la Svezia. Sì, è vero, l'ho scelto io". Poi l'ammissione: "Se sono sereno? Per niente. Non riesco a dormire da 4 giorni. Dormo e mi sveglio. Abbiamo giocato male: contro gente alta almeno uno e novanta dovevamo aggirarli con i piccoletti che invece stavano in panchina" riferendosi al mancato utilizzo di Lorenzo Insigne.

LOTTI: "LUNEDI' NO A COMPROMESSI" - "Quello che dovevo dire l'ho detto: è il momento di rifondare il calcio, è il momento di non fare compromessi. Quello che mi auguro è che non si arrivi lunedì al solito compromesso dove magari il Consiglio federale si accorda su varie posizioni e si riparte facendo finta di nulla. Non si può fare finta di nulla". Lo ha detto il ministro per lo Sport, Luca Lotti. "Il Governo quello che doveva fare lo ha fatto. E' disponibile a dare una mano al calcio, penso alla riorganizzazione dei diritti televisivi, alla parte delle norme che abbiamo inserito per favorire il rifacimento degli stadi. Siamo pronti a discuterne, però è evidente che dalla riunione di lunedì prossimo a Roma, il ministro dello Sport, il governo ma anche tutto il Paese, si aspetti che non ci sia il classico "accordicchio" dove ciascuno prende una sua parte e poi tutto rimane come prima. Questo non possiamo permetterlo. Questo non può permetterlo il governo, non può permetterlo il Paese intero. E' arrivato il momento di rifondare il calcio".

"Non tutto è da buttare, non tutto è andato male perchè i risultati di qualche Nazionale, Under 21 o Under 17, testimoniano che qualcosa di importante è stata fatta - ha concluso il ministro Lotti -. E' il momento di mettere la parola fine, di mettere un punto e questo è il punto dal quale ripartire, tutti insieme, ciascuno per le proprie capacità, competenze, ruoli. Il governo è pronto a fare la sua parte ma ripeto, da lunedì mattina non mi aspetto certamente dei compromessi".

 

© Riproduzione riservata18 novembre 2017Link originaleOriginal autore: Redazione
  639 Visite

Copyright

© Sport Repubblica.it

639 Visite

Nuoto, Gp Italia: Pellegrini conquista e i 100 stile, Magnini primo nei 200

Federica-Pellegrini2-717x478
LIVORNO- Federica Pellegrini non delude le aspettative. Nel 41esimo trofeo "Mussi-Lombardi-Fermiano", 13esima edizione del Gran Premio Italia, in corso alla piscina comunale "La Bastia" di Livorno, la fuoriclasse azzurra si impone nella finale dei 100 stile libero. L'atleta del Circolo Canottieri Aniene, toccando con il crono di 54″50, batte Giada Galizi (Fiamme Oro), seconda in 54″62, e Aglaia Pezzato (Esercito), terza in 55″04. Tra gli uomini, Alessandro Miressi (Fiamme Oro), in 48″40, mette in fila Luca Dotto (Carabinieri) e Marco Orsi (Fiamme Oro), rispettivamente secondo (48″41) e terzo (48″59). Bene anche Filippo Magnini, che sale sul gradino più alto del podio nei 200 stile libero. Il 35enne di Pesaro, tesserato per l'Aniene, due ori iridati e otto continentali in vasca corta, chiude in 1'45″29 (51″12), precedendo il padrone di casa Matteo Ciampi (Esercito/Nuoto Livorno), che scende per la prima volta in carriera sotto l'1'46", toccando in 1'45"68. Tra le donne si impone la diciottenne di Fiamme Rosse e CC Aniene, Simona Quadarella, prima con il record personale di 1'58″44, 53 centesimi sotto la prestazione della scorsa settima a Genova. Nei 100 dorso uomini affermazione di Simone Sabbioni in 52″52.© Riproduzione riservata18 novembre 2017Link originaleOriginal autore: Redazione
  899 Visite

Copyright

© Sport Repubblica.it

899 Visite

Viking 5: Titoli e sinossi ufficiali dei primi 6 episodi

roma_lazio
ROMA -Il sorpasso. La Roma mette la freccia e con ...
Continua a leggere
  307 Visite
307 Visite

Londra, "spari a Oxford Circus" ma la polizia nega: "Nessuna prova"

LONDRA - La sosta per le nazionali non interrompe la risalita del Chelsea di Antonio Conte. I Blues ci impiegano un tempo per archiviare la pratica West Bromwich portando a casa il quarto successo di fila in Premier League. Nella 12/a giornata del campionato inglese i campioni in carica passano 4-0 al "The Hawthorns" grazie alle reti di Alvaro Morata, Hazard e Marcos Alonso nella prima frazione e ancora di Hazard nella ripresa. Secondo da solo ora è lo United di Mourinho, che travolge 4-1 (in gol anche Pogba) il Newcastle nel giorno del ritorno in campo di Zlatan Ibrahimovic dopo l'infortunio. Ibra è entrato nel finale  al posto di Martial.

IL CITY NON SI FERMA PIU' - Gli uomini di Guardiola non sbagliano un colpo e comandano con 8 punti di vantaggio sui cugini. Il City passa sul campo del Leicester 2-0 infilando la sedicesima vittoria consecutiva tra campionato e coppe. Gabriel Jesus, servito da Silva, apre le marcature nel primo tempo, poi nella seconda frazione la rete che chiude ogni ostilità da parte di De Bruyne.

IL DERBY COL TOTTENHAM VA ALL'ARSENAL - Derby di Londra all'Arsenal. I Gunners battono 2-0 il Tottenham grazie alle reti di Mustafi e Sanchez. Basta quindi un tempo alla squadra di Wenger che sblocca dopo la mezzora con un'incornata di testa dell'ex difensore della Sampdoria. Dopo 5' è Sanchez a raddoppiare approfittando di un ottimo assist di Lacazette. Con questo successo in una delle sfide più sentite del campionato, la squadra biancorossa torna in vista Champions con 22 punti. Il Tottenham resta invece al palo con 23, scavalcato dal Chelsea. Ad approfittare del ko degli Spurs anche il Liverpool che, grazie a una doppietta di Salah, batte il Southampton e si porta a una sola lunghezza dal quarto posto.

© Riproduzione riservata18 novembre 2017Link originaleOriginal autore: Redazione
  302 Visite

Copyright

© TgCom24

302 Visite

Juventus, Allegri: "Io ct della Nazionale? Assolutamente no"

allegri.juve.supercoppa.2016.2017.750x450
TORINO - Un big match tra le squadre più in forma delle ultime cinque giornate, il primo appuntamento di un mese e mezzo molto importante per il futuro dei bianconeri. Per tornare da Marassi con i tre punti servirà una "grande Juventus", contro un'avversaria "che gioca bene, non ha mai perso in casa ed è molto migliorata rispetto all'anno scorso sia come organico che come organizzazione". Allegri focalizza l'attenzione sul match con i blucerchiati di Giampaolo, "ottimo tecnico che si era un po' perso prima di ritrovarsi", primo impegno dopo la pausa riservata alle nazionali che ha segnato la storia del calcio italiano. Dopo aver rimandato il suo appuntamento con la Nazionale ("una mia ambizione, ma in futuro"), il tecnico bianconero preannuncia il riposo per due dei protagonisti del tracollo azzurro, Buffon e Barzagli, che "stanno bene, stanno smaltendo la delusione ma è giusto farli rifiatare". Paradossalmente due delle poche certezze del tecnico, indeciso se "far giocare Dybala o Bernardeschi" e con diversi rompicapo da risolvere distribuiti su tutto il campo. Spazio quindi a Szczesny in porta, mentre in difesa Lichtsteiner e Asamoah sono in vantaggio su De Sciglio e Alex Sandro, vista anche l'imminente sfida con il Barcellona, e dovrebbero partire dall'inizio. Al centro della difesa ci sarà Chiellini, con Rugani che dopo l'ultimo allenamento pare in vantaggio su Benatia per completare la coppia di centrali. Centrocampo con Pjanic e Khedira, mentre in avanti Bernardeschi dovrebbe partire dal primo minuto, con Dybala pronto a subentrare.  Mandzukic e Douglas Costa completeranno la trequarti alle spalle di Higuain.

Massimiliano Allegri, come stanno gli azzurri reduci dalla delusione con la Svezia? Giocheranno domani?"Domani non giocheranno né Buffon né Barzagli: stanno bene, stanno smaltendo la delusione, era giusto farli riposare. Credo che giocatori di quel livello provino grande delusione, specialmente Gigi (Buffon, n.d.R.) che ha perso l'opportunità di giocare il sesto Mondiale. Ma la vita va avanti, serve tempo ma già in questi giorni ho visto bene Gigi, in una bella condizione, ha avuto una bella reazione. Dopo 15 giorni fatti con la Nazionale con un grande dispendio fisiche e nervose, è giusto farlo riposare. Szczesny è in ottime condizioni, Buffon giocherà mercoledì con il Barcellona. Nessun dramma, sono ben altri nella vita i drammi: l'italiano è orgoglioso, quando succedono queste cose sa come rialzarsi e ripartire". Lei è uno dei candidati alla panchina dell'Italia?"Assolutamente no, è una mia ambizione ma non in questo momento. Mi tolgo dalla scena, ho un contratto con la Juventus e tante cose da fare, obiettivi da raggiungere, una squadra da costruire per il futuro. La Nazionale vorrei allenarla ma tra qualche anno, sempre se mi daranno la possibilità. Altrimenti andrò al mare, sto bene anche lì".Sono veri i rumors che la vorrebbero dimissionario dalla Assoallenatori per divergenze con le posizioni di Ulivieri?"Se devo prendere una decisione, lo faccio nelle sedi opportune. Non è questo il momento di dire cosa va e cosa no. Ciascuno di noi  è nato per fare e non per chiacchierare".Domani inizia a Genova un mese e mezzo ricco di insidie. La fine degli impegni con le nazionali regalerà una Juventus diversa?"Non è che si vede una Juventus diversa, al momento siamo in lotta per passare il turno di Champions, mercoledì abbiamo la possibilità di farlo, siamo ad un punto dal Napoli che sta facendo delle cose straordinarie, quindi diciamo che il nostro percorso sta andando bene. Da domani, fino al 6 gennaio, sarà un mese e mezzo importante perché ci sono tutti gli scontri diretti. Vanno affrontati uno alla volta, ma è una Juventus che capisce il momento e farà la prestazione".Quali le insidie maggiori contro la Sampdoria?"Non è facile giocare a Genova, la Sampdoria non ha mai perso in casa, gioca bene, è migliorata rispetto all'anno scorso, sia come organico, sia come organizzazione di gioco. Giocare a Marassi non è mai semplice, quindi servirà una grande Juve. Inoltre Giampaolo è un tecnico molto bravo, si era un po' perso ma è tornato. Zapata garantisce peso specifico in attacco, Strinic e Ferrari stanno facendo molto bene".Buffon e Barzagli non giocheranno. Sono le uniche certezze di formazione al momento?"Ho ancora parecchi dubbi, sugli esterni, su uno dei due centrali, a metà campo. Tutti hanno provato e domani deciderò chi scenderà in campo. Sono indeciso se far giocare Dybala o Bernardeschi, mentre Cuadrado e Pjanic sono recuperati, in condizione: Miralem è una settimana che lavora, Cuadrado è rientrato dalla nazionale e sta abbastanza bene. Sono tutti e due in condizione per poter giocare".La buona notizia arriva dalla Primavera, con il gol di Pjaca su punizione. Si avvicina il rientro?"L'ho anche visto il gol, bello, se lo merita: è un'inezione di fiducia. Marko è rimasto lontano dai campi per tanto tempo, dovrà fare altre partite con la Primavera per recuperare sicurezza e condizione".

© Riproduzione riservata18 novembre 2017Link originaleOriginal autore: Redazione
  802 Visite

Copyright

© Sport Repubblica.it

802 Visite

Russiagate, Michael Flynn taglia i contatti con i legali di Trump

Dopo una lunga selezione basate su gare on-line con Xbox One, Playstation 4 e Steam, che hanno coinvolto 65mila partecipanti di tutto il mondo, la sfida ora si trasforma in una competizione in tempo reale alla Gfinity Arena di Londra. In palio c’è l’accesso alla Gran Finale del 25 novembre ad Abu Dhabi, in occasione del GP conclusivo della stagione Formula1 2017.

Le semifinali si “giocano” a Silverstone (Inghilterra) e Interlagos (Brasile) dove 40 piloti, divisi in gruppi da dieci, si sfidano in sessioni di qualifica per arrivare a disputare la doppia corsa decisiva  (una per ciascuna pista) per l’assegnazione dei 20 posti nella griglia virtuale di Abu Dhabi. Il sistema di punteggio è il medesimo dei GP di Formula 1, quindi 25-18-15-12 etc.

I top5 di ciascun gruppo, che avranno accesso alla Gran Finale del 25 Novembre ad Abu Dhabi, si sfideranno per il titolo di “F1® Esports Series Champion 2017”.

Link originale
  302 Visite

Copyright

© TgCom24

302 Visite

Nel 2020 il supercomputer europeo per le previsioni meteo

cq5dam.web.738.462

Italia, Bologna, 2020: sono il luogo e la data fissati per accendere il supercomputer europeo per il meteo, uno dei tre più potenti al mondo. Un cervellone capace di prevedere il bello e il cattivo tempo in tutto il mondo, in HD e con una precisione senza precedenti. Sarà uno strumento prezioso per studiare e comprendere meglio non solo le condizioni consuete ma anche i fenomeno più estremi.

 

Il cervellone bolognese

L'installazione inizierà nel 2019, nel nuovo data center del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (Ecmwf) del capoluogo emiliano. Il supercomputer sarà gestito dal quartier generale dell'Ecmwf in Gran Bretagna e, spiega il colonnello Silvio Cau, capo del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare e Rappresentante Permanente d'Italia presso l'Organizzazione Mondiale della Meteorologia, “avrà la capacità di calcolo necessaria ad aumentare la risoluzione spaziale nelle previsioni ad una settimana. La risoluzione a livello globale passera da 9 a 7 chilometri quadrati, mentre sull'Italia scenderemo da 2,8 a 1,4 chilometri quadrati”. Questo salto, continua Cau, “permetterà di studiare e caratterizzare meglio soprattutto i fenomeni più violenti, come le trombe d'aria, che sono molto localizzati”.

 

Scioglimento ghiacciai: quello che c’è da sapere. INFOGRAFICA Mercalli: “Big Data nuova frontiera”

“Telecomunicazioni e Big Data aprono nuove frontiere”, ha commentato Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana. “Nel prossimo futuro ci permetteranno di utilizzare anche le osservazioni e le misurazioni fatte dai cittadini comuni. Le tecnologie ci sono: ora dobbiamo formare i cittadini, per aiutarli a produrre dati di qualità”. Un primo esperimento verrà promosso nei prossimi mesi dall'Aeronautica Militare, che sta già valutando la possibilità di mettere in rete le migliaia di stazioni meteorologiche amatoriali sparse sul territorio nazionale, per ottenere dei modelli di previsione sempre più precisi”.

Continua a leggere
  559 Visite

Copyright

© Fonte Sky Tecnologia

559 Visite

Libia, naufragio migranti: tra le vittime anche 3 bimbi e 18 donne

"Il dodicesimo uomo in campo". È l’espressione che spesso viene utilizzata per parlare del pubblico, dei tifosi che riempiono lo stadio ogni domenica per sostenere la propria squadra. E sebbene in molti siano soliti rispondere "nessuno stadio ha mai segnato un gol", giocare con le tribune colme di gente rumorosa può essere un vantaggio. Ne sa qualcosa l’Inter, che in questa prima parte di stagione ha ritrovato un San Siro sempre pieno, sia che si giocasse alle 15, nel lunch match o alle 20:45. Il record spetta al Derby, ma le 71.000 presenze di Inter-Torino giocata alle 12:30 fanno notizia.

E alla vigilia di un’altra partita casalinga nella quale il tifo nerazzurro non mancherà di far sentire il proprio calore, Luciano Spalletti ha voluto ringraziare via social il suo pubblico. Lo ha fatto con un post su Instagram: una foto dello stadio "Giuseppe Meazza" accompagnata con il numero di spettatori fatto registrare in ogni partita e una frase "La vostra clausola rescissoria non ha valore non ha prezzo. Orgogliosi di essere la vostra passione". Un grazie alle 413.499 persone che finora hanno riempito San Siro: questo infatti il totale delle presenze, numero che aumenterà visto che i tagliandi per il match di domenica sera contro l’Atalanta sono ancora in vendita.

Link originale
  212 Visite

Copyright

© TgCom24

212 Visite

Il futuro di Kakà: "Allenare il Milan? Perché no"

sommario_09_Ricardo_Kaka.jpgfilename_UTF-8sommario_09_Ricardo_Kaka

C'è (anche) il Milan nel cuore di Kakà, come sottolinea lui stesso attraverso un'intervista rilasciata al quotidiano polacco 'Przeglad Sportowy': "Allenare il Milan? Perché no... Non ho tagliato i ponti né col San Paolo, né col Real o con l'Orlando, credo di avere una porta aperta dappertutto", spiega dopo aver dato l'addio alla Mls. E' ancora presto per decidere ("Non ho nessun contratto, ma mi sento ancora un giocatore e nelle prossime settimane deciderò il mio futuro") ma una cosa sembra certa: "Vorrei restare nel mondo del calcio, magari come allenatore o come direttore sportivo. Per guidare una squadra devi sentire la vocazione, la cosa migliore sarebbe fare come Zidane, il mio modello. E' stato unico come calciatore e ora lo è come tecnico, io potrei usare tutto quello che ho imparato da Mourinho o Ancelotti".

Tornando ai giocatori, Kakà "consegna" il futuro Pallone d'oro a Neymar: "Se continua così diventerà il miglior giocatore del mondo, con lui il Psg vincerà la Champions". Nell'attesa, i più forti sono i soliti noti: "Messi e Ronaldo rappresentano il massimo. Il Pallone d'oro lo vincerà qualcun altro quando l'incredibile rivalità che c'è tra loro si esaurirà".

Link originale
  849 Visite

Copyright

© Fonte Sky Sport

849 Visite

Finale: Dimitrov super, Carreno Busta ko 6-1, 6-1

dimitrov_goffin_getty

Grigor Dimitrov mostra i muscoli e spaventa Roger Federer. Il bulgaro ha demolito Pablo Carreno Busta nell'ultimo match del girone Becker, vincendo 6-1, 6-1 in un'ora esatta di gioco e restando imbattuto (3-0). Dimostrazione di forza clamorosa da parte di Grigor, che si conferma uno degli uomini più in forma di queste Finals e si candida per un posto in finale. L'ultimo ostacolo, sabato alle 21, sarà lo statunitense Jack Sock. La partita con Carreno Busta, ripescato dopo il ritiro di Nadal, non è mai cominciata, come dimostrano le statistiche (il doppio dei vincenti, il 95% dei punti sulla prima di servizio). Dopo aver vinto a Cincinnati il primo 1000 della carriera e aver centrato l'obiettivo Finals, Dimitrov con vuole certo mollare sul più bello. Per fare la storia, però, mancano ancora due passi, i più importanti. 

Link originale
  546 Visite

Copyright

© Fonte Sky Sport

546 Visite
loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.