Il mistero delle linee di Nazca in Perù

Il mistero delle linee di Nazca in Perù

Quale segreto si nasconde nelle misteriose linee del deserto Peruviano di Nazca? 

Il deserto di Nazca si trova in Perù, tra la città di Nazca e quella di Palpa, ed è ad oggi uno dei luoghi più misteriosi del mondo: si trovano infatti qui le linee di Nazca, gerorglifici famosi in tutto il mondo composti da oltre 13.000 linee per un totale di 800 disegni.

I disegni delle linee di Nazca raffigurano sopratutto animali stilizzati: condor, colibrì, scimmie, un ragno di 45 metri, una lucertola di 180, pesci, balene e poi l'ultimo misterioso animale individuato da un gruppo di archeologi giapponesi: corpo maculato, lingua penzolante e un enorme numero di zampe.

Le linee di Nazca sono  state realizzate tra il 300 a.c e il 500 d.c e oggi sono Patrimonio dell'Umanità. La popolazione locale per poterle realizzare ha rimosso dalla superficie del deserto pietre ricche di ossido di ferro, creando così il contrasto cromatico col pietrisco più chiaro che le rende tanto evidenti. A preservarle fino ad oggi è stato il clima della zona: arido e quasi mai ventoso.

Ma a cosa servono queste linee?? Nel corso degli anni sono state fatte le più svariate ipotesi al riguardo. 

 Si è supposto che si trattasse di linee dovute ad una forma di culto o che potessero avere un significato astronomico ( la scimmia ad esempio sarebbe l'Orsa Maggiore...) che potessero mandare una sorta di messaggio agli dei; ma in tempi più moderni un team di studiosi italiani ne ha individuato un uso più pratico che avrebbe a che fare con l'acqua. 

Molte delle linee seguirebbero il percorso di antiche inondazioni fatte di fango e detriti: è come se rappresentando un paesaggio fluviale i Nazca volessero scongiurare il ripetersi di quelle calamità. 

Una ricercatrice del CNR,l'ingergnere elettronico Rosa Lasaponara, ha individuato nella zona nuove cotruzioni risalente all'antica civiltà Natza: dei pozzi ( a forma di buca a spirale) da cui gli uomini pescavano l'acqua che scorreva nel sottosuolo per poi distrubuirla nei terreni tutto intorno. Non sarebbe quindi un caso che molte delle linee di Nazca rappresentino animali che rimandano all'acqua (delfini, orche etc), che è simbolo di vita e di potere per chi la possiede. I Nazca dato che possedevano la capacità di scovarla nel sottosuolo avrebbero attirato le popolazioni circostanti, che nel luogo arrivavano comunque per il significato religioso che possiede. 

Vota:
True Detective: Stephen Dorff entra nel cast dell...
Il ritorno a sorpresa di Shaman King

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 19 Gennaio 2018

Immagine Captcha

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.