3 minuti di lettura (698 parole)
In evidenza 

Google dice che l'indicizzazione mobile-first è ora utilizzata per oltre la metà delle pagine web nei suoi risultati di ricerca

google-search-app-ios

Google ha annunciato oggi che utilizza l'indicizzazione mobile-first per oltre la metà delle pagine Web mostrate nei risultati di ricerca a livello globale: una pietra miliare significativa nella mossa di Google per favorire i siti mobili su siti desktop nei risultati di ricerca.

I piani per il progetto sono in corso da anni.

Nel 2016, la società aveva inizialmente illustrato gli sforzi per l'indicizzazione mobile-first, in cui spiegava l'impatto sul funzionamento dell'indice di ricerca. Ha detto che sarebbe passato all'utilizzo della versione mobile del contenuto di un sito Web per indicizzare le sue pagine, oltre a comprendere i suoi dati strutturati e mostrare frammenti di codice dal sito nei risultati di ricerca di Google.

Il suo ragionamento dietro il cambiamento è semplice: la maggior parte delle persone oggi cerca Google da un dispositivo mobile, non da un computer desktop. Ma i sistemi di classificazione di Google per il web sono stati originariamente creati per l'era desktop. Ancora tipicamente guardano la versione desktop del contenuto della pagina per determinare la sua rilevanza per l'utente.

Ciò, ovviamente, causa problemi quando il sito desktop e il sito mobile non sono sincronizzati.

Prima che il web design reattivo diventasse più comune, molti proprietari di siti costruivano una versione separata, più semplice ea volte meno informativa del loro sito per i loro visitatori di dispositivi mobili. Questi utenti potrebbero essere stati guidati al sito a causa della Ricerca Google. Ma una volta lì, non sono riusciti a trovare ciò che stavano cercando perché era disponibile solo sulla versione desktop della pagina web.

Nel dicembre 2017, Google ha dichiarato di aver iniziato a trasferire una piccola manciata di siti all'indicizzazione dei dispositivi mobili.

All'inizio di quest'anno, Google ha annunciato di aver iniziato ufficialmente la sua indicizzazione "mobile-first" del web, dopo un anno e mezzo di test e sperimentazione. All'epoca, ha affermato che avrebbe dapprima spostato i siti seguendo le best practice per l'indicizzazione mobile-first. Ha anche notato che preferirebbe la versione mobile del sito della sua pagina web sulle pagine AMP a caricamento rapido di Google.

I siti che vengono spostati vengono notificati tramite un messaggio in Search Console e successivamente vengono visualizzate le visite dalla versione per smartphone di Googlebot, che esegue la scansione della versione mobile del loro sito. I proprietari dei siti possono anche controllare i registri del server, dove possono tenere traccia delle maggiori richieste da parte di Googlebot Smartphone.
loading...

Google offre inoltre uno strumento di ispezione degli URL, che i proprietari dei siti possono utilizzare per verificare in che modo un URL del loro sito, come la home page, è stato sottoposto a scansione e indicizzazione.

Google oggi rileva che i siti che non utilizzano il responsive web design stanno vedendo due problemi comuni quando Google tenta di spostarli sull'indicizzazione mobile-first.

Alcuni non usano i dati strutturati sui loro siti mobili, anche se li usano sul desktop. Questo è importante perché aiuta Google a capire il contenuto del sito web e gli consente di evidenziare il contenuto delle pagine nei risultati di ricerca, attraverso le sue caratteristiche "appassionate" come risultati ricchi, risultati del Knowledge Graph, risultati di ricerca avanzati, caroselli e altro ancora - praticamente ogni volta che vedere risultati di ricerca più accattivanti che offrono più di una semplice lista di link blu.

La società ha anche affermato che alcuni siti mobili mancano del testo alternativo per le immagini, il che rende più difficile per Google comprendere il contenuto delle immagini.

Al momento della prima ondata di spostamento dei siti, Google aveva affermato che l'indice ottimizzato per i dispositivi mobili non avrebbe alcun impatto diretto sulla classificazione dei contenuti, ma ha affermato che i contenuti ottimizzati per i dispositivi di un sito consentiranno di "comportarsi meglio" nei risultati di ricerca mobile. La facilità di utilizzo del cellulare è stata a lungo anche uno dei tanti fattori nel determinare come viene classificato un sito, ma non è l'unico.

Google non ha detto che cosa farà ai siti che non sono mai aggiornati correttamente per il web mobile, ma sembra che - a un certo punto - la loro classifica potrebbe essere influenzata.

L'Europa emette una scadenza per la conformità del...
Il DCMS del Regno Unito chiama nuovamente Facebook...
 
loading...

Sections

Prodotti

Partner

Consigliati

Azienda

Seguici Sui Social

X

Impero Web Copyright Abilitato

Non è ammessa nessuna copia i contenuti sono protetti da diritti d'autore.